ROVINE

ROVINE
GIORDANO FAUSTINI – 2014

Gli elementi di legno collocati in sequenza sono i resti che compongono un enorme viso emerso dal terreno. Incastrati tra interno ed esterno, e sospesi tra presente e passato, sembrano antiche rovine che la terra lascia riaffiorare e delle quali la natura si vuole riappropriare. Mentre tra le sue fessure crescono le erbe e si nascondono piccoli animali, il grande volto aspetta i raggi del sole e le gocce della pioggia. E mentre gli occhi osservano gli spostamenti delle nuvole nel cielo e gli orecchi ascoltano il pulsare della terra, dalla sua bocca escono parole sussurrate, narrazioni di antiche storie di timidi giganti, vecchi guerrieri e divinità ormai dimenticate che un tempo abitavano la pineta.